Evergreen artrite mani

Postato . La categoria: Rughe

1 2 3 4 5 626 voti

Teatro Scuderie Granducali Sala del teatro dedicata a spettacoli e conferenze.Il fotografo e copy milanese ha scelto un tema a lui molto vicino: “Da trentacinque anni mi sento chiedere “Perché? Sono vegetariano per centinaia di migliaia di perché.Benenson fu spinto dalla voglia di trasformare il “fastidioso senso di impotenza del lettore” nel convincimento che il cambiamento era possibile, consapevole che “se questi sentimenti di disgusto ovunque nel mondo potessero essere uniti in un’azione comune, qualcosa di efficace potrebbe essere fatto”.Diffusa in tutto il mondo questa pacifica pratica è però vietata in Cina, suo paese d’origine.Questa mostra raccoglie una selezione di poster per raccontare attraverso il tempo e lo spazio questi 50 anni di attività, campagne e successi in favore dei diritti umani.Per tutta la durata del Vegan Fest, la Galleria espositiva della Fondazione Arkad (di fronte al Palazzo Mediceo di Seravezza) esporrà tredici grandi tele fotografiche dedicate al tema del vegetarianesimo realizzate da Achille Jachetti.Carne, da esposizione, in vendita” – di Achille Jachetti – Orario 10,00 / 20,00.La campagna su manifesti, è stata realizzata grazie alla partecipazione di Renata Balducci (alias Bio Contessa) e del fotografo Gianluca Acca. Venuto a conoscenza del fatto, il 28 maggio del 1961, l’avvocato inglese Peter Benenson lanciò dalle colonne del quotidiano di Londra The Observer un “Appello per l’amnistia”: il suo articolo “I prigionieri dimenticati” raccontava la vicenda dei due giovani portoghesi e di altri che, come loro, in altri paesi, erano stati arrestati solo per aver espresso le loro opinioni.Grazie a tredici modelle non professioniste – ma molto motivate – ho trasformato alcuni dei miei (e nostri) perché in immagini: ogni modella si è ispirata al corpo di un animale, esposto, confezionato, dissanguato e privato di dignità –anche dopo essere stato privato della vita -. Foer in Eating Animals: “Quando mangiamo carne prodotta in allevamenti industriali viviamo, letteralmente, di corpi torturati.Nelle tredici scatti, crudi e provocatori, forse ritroverete anche i vostri “perché”… Sea Shepherd avrà anche un info-point con materiale illustrativo e i famosi gadget originali di SSCS – t-shirt, felpe, cappelli, adesivi, etc.All’interno della sala del ristorante, verrà allestita permanentemente la personale del fotografo Gianluca Acca, fotografo ufficiale del libro “Nobili Scorpacciate Vegan”.

Dillo ai tuoi amici: